BiolMiel 2019

Belforte all’Isauro ospiterà l’edizione 2019 di Biolmiel il premio internazionale per il miglior miele biologico.


Il Comune di Belforte all’Isauro e Pronubio, l’associazione apicoltori biologici e biodinamici si uniscono a Biolitalia, Cibi, Agrimediterraneo e Crea – AA nella realizzazione dell’edizione 2019 di Biolmiel, il premio internazionale per il miglior miele biologico.


Oltre al patrocinio della manifestazione il comune di Belforte all’Isauro curerà l’ospitalità dei giudici che da diverse parti d’Europa raggiungeranno la sede della sessione di degustazione. Pronubìo darà tutta l’assistenza di cui è capace nella gestione della logistica.

Leggi tutto “BiolMiel 2019”

Pronubìo sulla deroga all’uso dei polistiroli

Nel novembre 2018 la dirigente del dipartimento dell’ Agricoltura Biologica e Sistemi di qualita’ alimentare nazionale, Roberta Cafiero emette una circolare (Prot. N. 0080232 ) in cui si precisa che in apicoltura biologica non c’è posto per l’uso di cassettini di polistirolo, in quanto vietati dalle norme del regolamento UE.

Dopo pochi mesi una nuova circolare in cui si afferma esattamente il contrario. Pronubìo ha comunicato alla dirigente la propria contrarietà a questa nuova visione, espressa con concetti sbagliati e fuorvianti.

Quì la lettera inviata.

pronubìo

Pronubìo è l’associazione degli apicoltori biologici e biodinamici

Ridare un senso etico ed economico alla produzione dei prodotti dell’alveare col metodo biologico, nel rispetto dell’ambiente e delle api stesse è il motivo che ci ha spinto a creare PronuBìo.

La piena e completa attuazione del regolamento che determina la certificazione biologica è la base di partenza, all’interno del regolamento ritroviamo tutti gli obbiettivi che hanno portato alla creazione dell’agricoltura biologica, la resistenza all’inquinamento, il rispetto dell’animale, la gestione e il controllo dell’ambiente di pascolo, il rispetto del consumatore. Ma troppo spesso la certificazione viene rilasciata tralasciando fattori fondamentali del controllo, lasciando margini dove gli specializzati della furbizia si insinuano con successo.

Questo ha determinato una degradazione del valore del prodotto biologico, tanto che oggi produrre non ha più un senso economico, la differenza commerciale non ripaga dell’impegno e delle spese superiori che il produttore deve affrontare.

Ridare al biologico il suo vero valore economico, tramite il completo rispetto del regolamento di produzione, vuol dire riportare il biologico ai suoi obbiettivi , affinchè il biologico non perda la sua anima.